Serengeti Centrale

Dopo il safari del mattino a Ndutu, ci dirigiamo verso il Serengeti centrale, dove trascorreremo tre notti, mentre due le passeremo nel nord. Il Serengeti è Il Parco per eccellenza, ospita un numero incredibile di animali: quasi due milioni di gnu, 250'000 zebre, 2'800 leoni, 1'000 leopardi, 500 ghepardi,... La sua superficie è di quasi 15'000 chilometri quadrati: cinque volte il Canton Ticino!

Nella stagione secca, da giugno a ottobre, quando gnu e zebre migrano verso nord (della migrazione parlo nel capito Serengeti Nord), gli animali residenti come gazzelle e antilopi si concentrano lungo i corsi d'acqua, dove ovviamente si recano anche i predatori. In questi mesi la zona chiamata Seronera ospita la più alta concentrazione di predatori di tutta l'Africa!

 


Finalmente iniziamo il safari in questo parco: è una piacevole sensazione tornarci ed ho molte aspettative riguardo a questi giorni. Rispetto a due anni fa, quando siamo venuti a fine ottobre, ci sono pochi animali, ma dovrebbe essere più semplice vedere i predatori.

Non ci dirigiamo subito al campo, ma svoltiamo in una zona dove non incontriamo nessuna jeep. Prima vediamo numerosi ippopotami e poi un bellissimo branco di leoni: cinque femmine e due maschi! Stupendo ammirare questi animali senza nessuno nelle vicinanze...

A pranzo ci fermiamo in una zona attrezzata con numerosi altri turisti, ma non vediamo l'ora di ripartire per il safari. Ci dirigiamo quindi nella zona di Seronera, che è veramente molto trafficata e spesso attorno ai felini ci sono numerose jeep. Ci sono pochi gnu, ma un numero incredibile di zebre e molti elefanti. Incontriamo ancora diversi leoni e poi finalmente troviamo pure lui: il leopardo, che riposa su un albero. In serata ci dirigiamo verso il campo tendato, non prima però di ammirare pure due ghepardi!

La giornata è stata indimenticabile: sommando gli avvistamenti e le ore di safari del mattino abbiamo fatto circa 10 ore sulla jeep e abbiamo visto circa 35 leoni!

Eccovi la galleria della prima giornata al Serengeti e un paio di video. Ascoltate il verso delle zebre!

Il campo tendato si chiama Serengeti Kati Kati. È composto da dieci tende, con bagno e doccia: l'acqua calda per la doccia viene portata dal personale. È possibile ricaricare gli apparecchi elettronici alla sera nella tenda che funge da sala per i pasti. Quando cala il sole non è possibile muoversi da soli, ma è necessario essere accompagnati, in quanto non ci sono protezioni attorno al campo, quindi gli animali si muovono nelle vicinanze.

Come concordato con Sudi, la guida, il mattino seguente partiamo all'alba, in quanto dovrebbe essere il momento migliore per vedere i predatori in azione. Purtroppo questa volta non siamo molto fortunati e dopo aver consumato la colazione nella savana, ci spostiamo in aree meno battute, dove incontriamo un ghepardo e un fugace serval.

Torniamo al campo per pranzo e ripartiamo alle 16 verso Seronera e chiedo a Sudi di cercare un leopardo: detto fatto... dopo mezz'ora ne avvista uno lui, mentre altre jeep passano senza fermarsi. Anche questo dorme... Poi a poca distanza incontriamo un branco di leoni con una decina di cuccioli (allego anche il video) e nelle vicinanze ci sono pure tre leoni sugli alberi! Incredibile! Ritorniamo dal branco di leoni: c'è una leonessa che si avvicina, ma non è di quel branco in quanto viene attaccata e scappa. Dalla boscaglia sentiamo dei ruggiti che ci fanno rabbrividire. Torniamo anche a vedere il leopardo di ieri e ci accorgiamo che sull'albero c'è la sua preda: una gazzella...

Rientriamo al campo dove ammiriamo un bel tramonto e sorseggiamo una bibita attorno al fuoco, insieme ad altri turisti.

Le giornate trascorrono veloci purtroppo. Oggi non partiamo all'alba ma dopo colazione: subito avvistiamo un leone maschio e due leonesse che riposano, altri leoni ed una cicogna. Poi ancora lui, il leopardo: anche questo dorme, sebbene nelle vicinanze ci siano delle gazzelle. Vediamo pure tre ghepardi in lontananza. Il paesaggio è costellato da kopjes, che sono delle rocce granitiche che emergono dalla savana e visitiamo anche un luogo sacro per i Masai. In questa zona ci sono pochissime jeep per fortuna.

Poco dopo pranzo incontriamo un bellissimo branco di leoni, con numerosi giovani: le coccole si sprecano. Torniamo dal leopardo che ora è in piedi sull'albero: sotto di lui ci sono numerose gazzelle... piano piano scende dal ramo, ormai è pronto a saltare. Tre - due - uno e salta, ma su un altro ramo e si mette a dormire! Che peccato. La sequenza la trovate alla fine.

Ecco la sequenza del leopardo a "caccia":

Il giorno seguente effettuiamo ancora un safari all'alba, dove vediamo alcuni leoni e dopo colazione partiamo per il nord del Serengeti: destinazione la zona di Lobo, ma prima ci rechiamo ad ovest a cercare la migrazione!

   

Safari in Tanzania

 

Scegliere il safari  

 

 

Trovi altri racconti nella sezione Articoli

 

Torna all'indice di Viaggi

 

 

Scrivi commento

Commenti: 10
  • #1

    Venetta Kist (giovedì, 02 febbraio 2017 23:41)


    I could not resist commenting. Very well written!

  • #2

    Terrell Felipe (lunedì, 06 febbraio 2017 01:10)


    Great article.

  • #3

    Heide Chestnut (lunedì, 06 febbraio 2017 17:18)


    I really like what you guys are usually up too. This type of clever work and exposure! Keep up the wonderful works guys I've added you guys to blogroll.

  • #4

    Cornelia Porco (lunedì, 06 febbraio 2017 21:54)


    Thanks for any other informative website. The place else may just I get that type of info written in such an ideal manner? I have a venture that I am simply now working on, and I've been at the glance out for such info.

  • #5

    Carissa Tollett (martedì, 07 febbraio 2017)


    You need to be a part of a contest for one of the greatest sites online. I'm going to highly recommend this web site!

  • #6

    Fae Gillie (mercoledì, 08 febbraio 2017 15:14)


    I am regular reader, how are you everybody? This paragraph posted at this website is in fact pleasant.

  • #7

    Vince Dashner (giovedì, 09 febbraio 2017 04:33)


    I don't even know how I stopped up right here, but I assumed this publish used to be good. I do not realize who you might be but definitely you're going to a famous blogger when you aren't already. Cheers!

  • #8

    Buford Fulgham (giovedì, 09 febbraio 2017 20:19)


    Today, while I was at work, my sister stole my iphone and tested to see if it can survive a 30 foot drop, just so she can be a youtube sensation. My apple ipad is now broken and she has 83 views. I know this is completely off topic but I had to share it with someone!

  • #9

    Lilly Sterling (giovedì, 09 febbraio 2017 21:16)


    Simply desire to say your article is as amazing. The clearness in your put up is simply nice and i could assume you're an expert in this subject. Fine along with your permission let me to seize your RSS feed to keep updated with impending post. Thanks 1,000,000 and please carry on the rewarding work.

  • #10

    Spencer Mclane (venerdì, 10 febbraio 2017 06:09)


    Keep on working, great job!

Site in English