Vulcano

Partiamo da Bergamo sabato in tarda mattina con un volo low cost ed in meno di due ore arriviamo a Catania. Il primo impatto con la Sicilia è impressionante: l’Etna domina la vista, è maestoso, affascinante e coperto di neve, soprattutto nel versante a nord.

Da Catania prendiamo un’auto-navetta che ci porta al porto di Milazzo, da dove partiamo per l’isola di Vulcano con un aliscafo. Verso le 17 finalmente arriviamo a destinazione e appena usciamo dal porto abbiamo una grande sorpresa: incontro un mio compaesano con moglie e figli…

 


Vulcano conta circa 750 abitanti ed ha una superficie di 21 chilometri quadrati.

Pernottiamo al Residence le Palme, dove ci accolgono i simpatici Marco e Pierre: la camera è veramente bella e costa molto poco. Vi allego alcune foto.

Usciamo a fare due passi: prima in spiaggia dove vediamo diverse meduse, poi ai bagni di fango e infine nel “centro” del paesino. Non ci sono molti turisti e l’atmosfera è rilassata, anche se la temperatura è abbastanza rigida.

Il giorno seguente ci alziamo presto per salire al Vulcano della FossaGran Cratere a quota 391 metri: con un buon passo si impiega mezz’ora, ma considerate 45 minuti. Dal villaggio basta seguire le indicazioni “Salita al cratere” e con un comodo sentiero, ma ripido si arriva in cima, da dove oltre che ammirare il vulcano e le fumarole si gode di una vista stupenda. Si può effettuare anche il giro completo del cratere: fate però attenzione quando passate nella zona delle fumarole, meglio coprirsi la bocca e il naso. Il rientro avviene per la stessa via.

Tornati al Residence a prendere i nostri bagagli ci viene offerto un aperitivo improvvisato. Dopo questo piacevole intermezzo ci incamminiamo verso il porto, ma veniamo attratti da alcune fotografie e chiediamo alcune informazioni in un noleggio auto e scooter. Decidiamo così di noleggiare uno scooter e fare un giro ad un punto panoramico: le strade sono abbastanza dissestate, quindi è necessario guidare con prudenza. In seguito ci rechiamo alla “Valle dei Mostri”, dove vi sono delle conformazioni rocciose particolari, anche se la vegetazione le copre molto.

Terminato il giro di un’ora prendiamo l’aliscafo per l'isola di Salina, che raggiungiamo in 40 minuti via Lipari.

  

Viaggio in Sicilia

 

Trovi altri racconti nella sezione Articoli

 

Torna all'indice di Viaggi

 

 

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    mariella (giovedì, 01 maggio 2014 13:23)

    Grazie trovi sempre la maniera di farmi fantasticare su luoghi a me sconosciuti e bellissimi è un po come essere lì

  • #2

    Samuel Morisoli (giovedì, 01 maggio 2014 13:26)

    Grazie mille Mariella... Come sempre sei troppo gentile :-)

Site in English